Banca di Forlì -
Stampa

Fascismo e Guerra

Dopo la Prima Guerra Mondiale anche a Forlì ebbe luce il partito del Fascio di combattimento il 10 marzo 1921. A partire da quell'anno si registrarono numerose azioni di guerriglia contro socialisti e repubblicani, che sfociarono nell'occupazione del municipio e nella scomparsa del partito repubblicano, sopraffatto dalle forze totalitarie. Nasceva così il 23 novembre 1922 "Il Popolo di Romagna", settimanale fascista.

Seguirono persecuzioni degli avversari politici e una politica sociale incentrata sulla realizzazione di opere pubbliche, tra cui il campo sportivo Tullio Morgagni, l'aeroporto militare Luigi Ridolfi, il palazzo degli Uffici statali e del Collegio aeronautico. Si registrarono inoltre interventi nel settore agroindustriale che favorirono a Forlì l'espansione delle attività di trasformazione dei prodotti agricoli e ortofrutticoli, nonché un incremento dell'industria ittica e conserviera. A queste attività di affiancarono quelle delle industrie metalmeccaniche e belliche.

Il fascismo, con l'abolizione delle rappresentanze elettive e l'istituzione della figura del podestà (nel 1926) tentò di ridare il controllo delle amministrazioni alla classe dei possidenti terrieri, garantendo anche agli enti locali cospicui finanziamenti pubblici. Lo stretto controllo di tutti gli organismi pubblici e privati (incluse le Casse Rurali), la politica autarchica e di guerra provocarono crisi ed esplosioni di malcontento nelle campagne. Dopo il 2 luglio 1943, l'antifascismo divenne maggioritario e fu costituito velocemente un Comitato di Liberazione con una struttura capillare. Da allora si sviluppò una vivace resistenza partigiana.

Lo sforzo bellico prodotto dagli alleati, la partecipazione delle forze popolari e l'apporto delle formazioni partigiane, dopo un periodo di scontri e di stragi di civili, condussero il 9 novembre 1944 alla Liberazione di Forlì, cui seguì un difficile dopoguerra.

 

© Blank Plazart - Free Joomla! 3.0 Template 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu sia d'accordo con questo. Cookie Policy.

Accetto la comunicazione